Santi Nicola, Parmena, Procoro, Timone
Martiri
28 luglio
I sec

Sette uomini furono scelti dai dodici Apostoli per svolgere il “servizio delle mense”, affinché non tutti i discepoli dovessero disperdere tempo prezioso trascurando così la predicazione della Parola di Dio e la preghiera. La proposta fu accettata e vennero eletti, come elenca il libro biblico degli Atti degli Apostoli, “Stefano uomo pieno di fede e Spirito Santo, Filippo, Procoro, Nicanore, Timone, Parmenas, Nicola di Antiochia”. Gli Apostoli imposero loro le mani e la Chiesa vide poi in questo atto l’istituzione del ministero diaconale. I sinassari bizantini tramandarono il ricordo dei santi diaconi. Sarebbero forse morti martiri con una moltitudine d’altri compagni lo stesso giorno di Santo Stefano. Il cardinale Cesare Baronio conservò il loro ricordo nel Martyrologium Romanum: Nicola, Nicanore, Parmena, Procoro e Timone sono così ancora oggi commemorati in data odierna dalla Chiesa Cattolica .

Informazioni aggiuntive