“È risorto dai morti, ed ecco, vi precede in Galilea; là lo vedrete”  (Mt 28,7)

 Carissimi
La Quaresima, preludio della Pasqua, sin dai tempi Apostolici è il periodo durante il quale il Cristiano è chiamato alla conversione e alla penitenza e al digiuno. E’ il periodo della prova! La prova non è un castigo ma un esercizio che ci aiuta a valutare l’apprendimento di un insegnamento e ad esercitarlo. Quest’anno abbiamo vissuto questo tempo in modo del tutto particolare, forse unico nella storia della cristianità. La pandemia che ha colpito tutto il mondo, provocando tanti morti e costringendo tutti a restare a casa, ci ha fatto fare un’altra esperienza di digiuno, molto doloroso: il digiuno Eucaristico. La limitazione della libertà di movimento non ci permette di partecipare alle Celebrazioni Eucaristiche. Sappiamo bene che questi avvenimenti non sono un castigo di Dio per i nostri comportamenti. Certo tanti nostri comportamenti non sono esemplari. Se così fosse, dov’è la Misericordia di Dio? E la missione di Gesù il Cristo?
Questi giorni ci aiutano a scoprire tanti valori che stavamo perdendo, storditi dalla frenesia della vita quotidiana: il calore della famiglia, la nostra casa come Chiesa domestica, la necessità, la bellezza e il valore della preghiera, l’amicizia.. E questi sono alcuni degli esercizi che stiamo svolgendo. Siamo quasi alla vigilia delle Feste Pasquali, e perdurando questa emergenza, forse non potremmo celebrare i riti della Settimana Santa riuniti nel nostro Tempio!

Con la Sua Passione, Morte e Risurrezione Cristo ha sconfitto la paura, la solitudine, l’abbandono, la morte; situazioni che oggi stiamo vivendo in ogni parte del mondo. Celebrando la Pasqua di Risurrezione, Cristo s’immola di nuovo per noi, prende su di se la nostra umanità, la porta sulla Croce e la purifica da ogni male! E’ questa la Pasqua di Gesù, è questa la nostra Pasqua di Gesù di quest’anno particolare 2020. Gesù ci rincuora: Non abbiate paura. Non temete io sono con Voi sempre! Egli “è risorto e ci precede nella Galilea”, ascolteremo nel brano del Vangelo di Matteo: questa è la verità che ci dona la gioia! Il nostro Padre Celeste veglia su di noi. Maria nostra Madre e Patrona, i nostri Santi protettori intercedono sempre per tutti noi. La Pasqua di Gesù che celebreremo segni l’inizio di una nuova vita spirituale, rafforzata dall’esperienza di questi giorni, dalla preghiera incessante che ci accomuna. Impegniamoci a convertire la nostra vita, le nostre azioni, all’Amore del Padre che è il Signore della vita e ci ha donato il Suo Unigenito figlio, quell’Amore che oggi ci fa desiderare di tornare presto ad esercitare appieno il nostro Ministero per rinascere insieme ai nostri fratelli alla nuova vita di risorti in Cristo.
          Gesù il Risorto doni a tutti la sua Pace, la sua Gioia. Buona Santa Pasqua di Resurrezioni a tutti Voi.

                             Cristo Risorto! Cristo è veramente Risorto! Alleluja

 L’Equipe del Sito

Informazioni aggiuntive