Giornata Regionale dei Diaconi Permanenti 2024

Diaconi Permanenti: custodi del servizio della Chiesa.

I diaconi della Regione Campania accolti da S.E. Mons. Gennaro Acampa, delegato per il Diaconato permanente della Conferenza Episcopale Campana e dal diacono Giuseppe Daniele, incaricato della CEC per il Diaconato permanente, molti dei quali accompagnati dalle loro mogli e taluni anche dai figli, hanno gremito la grande sala del Santuario della Madonna dell’Arco in Sant’Anastasia per dare vita alla Giornata Regionale del Diaconato del 13/04/2024. All’incontro hanno partecipato diversi presbiteri, delegati vescovili per il Diaconato o incaricati per la formazione iniziale al Diaconato.
Sono intervenuti S.E. Mons. Antonio di Donna, Presidente della Conferenza Episcopale Campana, e S.E. Mons. Gennaro Pascarella, Vescovo Emerito di Pozzuoli e di Ischia, che ha svolto la relazione: Diaconi Permanenti: Custodi del servizio nella Chiesa.
L’assenza degli altri Vescovi della Regione è stata giustificata questa volta dalla partecipazione degli stessi, nel corso dell’intera settimana, alla Visita ad limina Apostolorum in Roma.
Dopo la preghiera e i saluti agli intervenuti da parte di Mons. Acampa, ha porto il suo saluto Mons. Di Donna; Egli, partendo dalla lettura biblica, proposta dalla liturgia del giorno (At 6,1-7), ha ricordato che quel testo degli Atti degli Apostoli è ritenuto comunemente come l’origine del diaconato nella Chiesa con l’indicazione del suo specifico servizio: un ministero che è inserito nel sacramento dell’Ordine e che ha il suo fondamento nella vocazione, accertata attraverso un attento discernimento del Vescovo e degli incaricati alla formazione.

Leggi tutto: Giornata Regionale dei Diaconi Permanenti 2024

  

  • SS Corpo e Sangue di Cristo - Anno B

    SS Corpo e Sangue di Cristo - Anno B

  • SS Trinità - Anno B

    SS Trinità - Anno B

  • Pentecoste

    Pentecoste

  • Ascensione del Signore

    Ascensione del Signore



Una grande “sinfonia” di preghiera

 Un foltissimo numero di diaconi della Chiesa di Napoli, accompagnati dalle loro consorti, hanno riempito l’aula San Giovanni Paolo II del Seminario Arcivescovile di Capodimonte, per un breve ritiro spirituale previsto durante il camino di Quaresima.  Guidati da S.E. Mons Gennaro Acampa, Delegato Diocesano per il Diaconato permanente, e da don Carmine Nappo e don Fulvio D’Angelo, co-direttori dell’Ufficio per il diaconato, essi hanno vissute queste ore arricchendo il loro bagaglio spirituale ascoltando la relazione di Don Raffaele Ponticelli, Delegato Arcivescovile per il Clero e Padre spirituale del Seminario Arcivescovile.
Secondo le indicazioni di Papa Francesco in preparazione all’evento giubilare del 2025, il tema scelto per l’incontro è la preghiera; infatti il titolo che Don. Ponticelli ha scelto per la elazione è: Invito ad una sinfonia di preghiera…che ci umanizza e ci trasfigura. Un tema che prende spunto non solo dall’esortazione del Pontefice rivolta alla Chiesa universale durante quest’anno 2024, dalla pagina del Vangelo della Trasfigurazione che sarà proclamata durante le Celebrazioni domenicali, ma anche dalla necessità da parte dell’uomo di oggi di ritrovare sentimenti di umanità, in questo tempo storico che sembra evidenziare sempre di più l’opera del demonio ed una spiccata tendenza alla disumanizzazione.
Nel corso della sua esposizione del tema, don Lello, grazie anche alla sua decennale esperienza di pastore e guida spirituale, ha aiutato tutti a riscoprire e rinvigorire il bisogno della preghiera personale e di coppia, utile per la crescita spirituale e per migliorare il servizio ministeriale alla Chiesa diocesana. Partendo dall’ affermazione di S. Ignazio di Loyola: Non è il molto sapere che sazia l’anima, ma ciò che si gusta intimamente, don Lello ha ricordato i modi di preghiera, più comuni: Ufficio delle ore, Lectio divina che ci aiutano nella nostra relazione e colloquio intimo con il Signore, soddisfacendo, con la meditazione di un salmo o di un brano biblico, i nostri bisogni spirituali.

Leggi tutto: Riitiro Quaresima don Ponticelli

Informazioni aggiuntive